La sensualità delle donne di Klimt

Gustav Klimt è passato alla storia come il più grande pittore dell’universo femminile;

Klimt dipinge la donna del suo tempo, varia il tema femminile nei suoi diversi rapporti con il creato e la natura. Insomma, nei ritratti egli realizza figura di donne nervose, sensuali, con grande fascino. Attraverso l’uso massiccio dell’oro, rievoca alla mente donne dal passato glorioso , intrise di bellezza, sensualità, fascino e mistero.

Klimt è letteralmente innamorato della figura femminile: nel 1896 infatti la produzione di ritratti maschili cessa del tutto. Una data significativa per due motivi. In primo luogo perchè è imminente la fondazione della Secessione Viennese . In secondo luogo perchè la data coincide con la presentazione da parte di Klimt e Matsch dello schema di disposizione dei pannelli per l’Università , con drammatiche conseguenze sulla carriera dell’artista. Klimt, d’ora in avanti si presenta come “il pittore dell’universo femminile” e consacrerà a questo soggetto tutta la sua attenzione.

Precedente Artemisia Gentileschi Successivo La Gioconda di Leonardo Da Vinci