La Gioconda di Leonardo Da Vinci

La Gioconda, o Monna Lisa, è considerato il dipinto più famoso di Leonardo Da Vinci.

E’ custodito al Louvre e fu portato in Francia da Leonardo stesso, alla sua partenza dall’Italia. Infatti, Francesco I, arrivò a pagare 4000 ducati per averla. Da allora la tavola rimase proprietà dei Sovrani francesi fino a quando , per volontà di Napoleone , fu portata al Louvre.

Non abbiamo testimonianze documentarie ma è difficile smentire l’identificazione del personaggio con Lisa Gherardini, moglie del mercante di seta Francesco Del Giocondo, nata nel 1479.

Il sorriso enigmatico della donna è l’aspetto di maggiore novità del dipinto: esso infatti rappresenta la reazione della donna alla presenza dello spettatore , apparso improvvisamente nel suo stesso contesto spaziale. Un sorriso ambiguo che, come racconta Vasari, fu cosa ardua da ottenere: Leonardo infatti aveva usato ogni mezzo per ottenere dalla modella il suo magnifico sorriso, dilettandola, mentre la ritraeva, con musiche e buffoni.

Il paesaggio sullo sfondo incarna perfettamente l’ideale di “pittura atmosferica Leonardesca”. Secondo il maestro , il pittore deve cogliere la realtà sensibile delle cose attraverso l’umidità dell’aria e l’incandescenza della luce in quanto esse, hanno un peso determinante nel modo in cui l’occhio percepisce gli oggetti.

Nel 1911 l’opera fu rubata da Vincenzo Perugia , un decoratore Italiano dipendente del Louvre, che la riportò in Italia. Il ritratto fu poi recuperato ed esposto per qualche giorno a Firenze Roma e Milano prima di essere restituito in Francia.

 

Precedente La sensualità delle donne di Klimt Successivo Ramo di Mandorlo in fiore di Van Gogh